Va dove ti porta il piede

Favole e racconti a teatro…

La Lanterna Magica è una rassegna dedicata all’infanzia

Il teatro dedicato ai più piccoli sta diventando una forma di educazione per avvicinarli all’arte ed è sempre più sentita. La compagnia il Teatro nel Baule propone la seconda edizione della rassegna: La Lanterna Magica, sei appuntamenti di favole e racconti messi in scena dal 27 ottobre 2019 al 22 marzo 2020 al Nuovo Teatro Sancarluccio di Napoli. Un progetto che intende mantenere viva la curiosità e la fantasia di grandi e piccini attraverso la magia di un mondo fantastico che allena l’immaginazione. Le compagnie che si esibiranno sono state scelte con criteri affini alle caratteristiche della compagnia organizzatrice, come affermato dalla co-direttrice artistica della rassegna, Simona Di Maio.

Gli artisti e performers si formati nelle scuole più importanti come l’ICRA project di Michele Monetta. Hanno seguito seminari e collaborazioni con maestri come Eugenio Barba, Gennadi Bogdanov, Carlo Boso, i Familie Flöz, Carlo Formigoni, Danio Manfredini, Vladimir Olshansky, Giancarlo Sepe e il Teatro Potlach studiando Commedia dell’Arte, clownerie, biomeccanica, teatro-danza, puppet- theatre. Una preparazione che ha il suo significato poiché punta a realizzare performance che mettano in risalto il linguaggio del corpo e una forma di teatro che gioca con l’immagine nelle sue molteplici forme e codici.

Così lontani così vicini
Così lontani cosi vicini, ovvero come l’anatroccolo imparò a volare

Il Teatro nel Baule: i protagonisti!

La compagnia Il Teatro nel Baule è formata da: Sebastiano Coticelli, Simona di Maio e Luca di Tommaso. Un sodalizio artistico cominciato nel 2010 che affonda le proprie caratteristiche nel mino, pantomima, clownerie, maschera, commedia dell’arte, teatro danza in un’ottica di pedagogia e teatro per l’infanzia e non solo. Il loro lavoro è caratterizzato da rappresentazioni che utilizzano diversi codici espressivi che trovano alla base una poetica dello stupore e della meraviglia nella versione teatrale.

Quando si comincia?

Inaugura la rassegna , domenica 27 ottobre alle ore 17.30 proprio la compagnia del Teatro nel Baule, che mette in scena Così lontani così vicini, ovvero come l’anatroccolo imparò a volare con Giuseppe Borrelli e Angelica Ruocco, per la regia di Simona Di Maio. La storia narra di un anatroccolo che decide di mettersi in viaggio nella speranza di incontrare qualcuno che gli insegni a volare. Tra anatre maldestre, cani affamati, gatti
arroganti, il protagonista affronterà mille difficoltà per diventare abbastanza forte e allo stesso tempo così leggero da spiccare il volo. Uno spettacolo che, attraverso la favola, avvicina i più piccoli al delicato e sempre più attuale tema dell’integrazione e dell’accettazione di sé stessi.

E poi…

Sarà la volta della compagnia il Teatro dei Sensi Rosa Prìstina diretto da Susanna Poole, il 10 novembre ore 17.00, 18.00 e 19.00. La rappresentazione è: Centoparole, con Rosaria Bisceglia, Sofia Campanile, Roberta Di Domenico De Caro, Susanna Poole e Cinzia Romanucci. Gli spettatori catapultati in un mondo sensoriale, saranno messi al centro della scena, trasformati in piccoli viaggiatori, dovranno immaginare mete diverse costruite intorno ai quattro elementi naturali.

Centoparole
Centoparole

Arriviamo al 22 dicembre ore 17.30, con un Concerto in platea! per la regia di Antonio Ascione e Paola Del Giudice de La Fabbrica del Divertimento. Dialoghi sonori e improvvisazioni musicali sono al centro dello spettacolo dove i bambini coinvolti già nel foyer, andranno alla scoperta della musica suonata dal vivo. Non poteva mancare la fiaba più conosciuta al mondo! Il 5 gennaio ore 17.30, Zaches Teatro porta in scena, Cappuccetto Rosso con Racconti dal Bosco, spettacolo finalista al Premio Inbox 2019, drammaturgia e regia di Luana Gramegna, che lo interpreta insieme a Enrica Zampetti. Nel bosco di Cappuccetto Rosso luogo di mistero, fascino, tentazione e di trasgressione, i bambini affrontano pericoli, rischi e paure andando coraggiosamente alla ricerca di sé, diventando ad ogni passo un po’ più grandi. Domenica 23 febbraio ore 17.30 sarà la volta di Posidonia, testo, regia e scenografia di Chiara Carlorosi, realizzatrice anche delle ombre, con Marco Vergati e Andrea Castellano. Una lunga e accurata ricerca scenica in cui il teatro d’attore entra in simbiosi con il teatro d’ombre descrivendo il tratto distintivo dei lavori della compagnia Teatro di Carta. Lo spettacolo racconta del viaggio fantastico alla scoperta del mistero di Posidonia, un regno che la leggenda vuole inabissato nelle profondità dell’oceano, che diventa simbolo di tutto ciò che all’apparenza sembra assurdo e inarrivabile. La rassegna si conclude con La Lanterna Magica, domenica 22 marzo ore 17.30, con l’originalissima proposta del Teatro dei Piedi, che presenta Va’ dove ti porta il piede, scritto e diretto da Laura Kibel, artista che ha collaborato con il Cirque du Soleil. I protagonisti che Kibel porta in scena nelle sue brevi storie senza parole sono le parti del suo corpo. Piedi, mani, ginocchia adornati e trasformati in personaggi pieni di umanità e ironia, attraverso i quali affronta temi universali come la lotta tra bene e male, la pace e l’amore.

Va dove ti porta il piede
Va dove ti porta il piede

Ritengo che l’iniziativa sia estremamente interessante e rappresenta il senso della “pedagogia teatrale” che gli attori coltivano con impegno e passione. Una dimostrazione che educare al teatro si può, nelle forme, nei linguaggi che piacciono ai bambini: magia, immaginazione, mondi fantastici e tanta poesia…

Per informazioni: 3478437819-3487335857; [email protected]; www.ilteatronelbaule.it

Avatar

About Natascia Caccavale

Volli, sempre volli, fortissimamente volli. Questa è la massima a cui mi ispiro ogni giorno per trovare la giusta grinta ed affrontare la complessità della vita. Sono convinta che la volontà muova il mondo e solo attraverso essa possiamo tentare di renderci felici. Pedagogista, giornalista e scrutatrice dell'animo umano, amo vivere la vita con entusiasmo e positività. Puoi scrivermi a [email protected]

Leave a Comment