Lettera estiva

Come sarà l’estate dei piccoli post Covid

Bisogna proprio ammetterlo, a patire in tutti i sensi della pandemia sono stati i più piccoli. Il Covid ha cambiato il loro modo di approcciarsi anche allo studio per questo é necessario attuare delle strategie sotto l’ombrellone in modo da mantenere in allenamento la memoria.

Leggi tutto
Grand Hotel Punta Molino

Vacanze ischitane: il Grand Hotel Punta Molino fa sognare

Il turismo si sa rappresenta un anello di congiunzione importante per l’economia di un paese e quest’anno causa Covid, l’estate è partita lentamente per alcuni mentre per altri non è proprio cominciata. Possiamo affermare per quanto ci riguarda che saranno vacanze italiane all’insegna delle scoperte delle nostre bellezze e dei buoni sapori. In proposito, notizie interessanti arrivano dall’isola di Ischia, dove, si registrano dati confortanti per quanto riguarda le prenotazioni alberghiere. Un elemento positivo lo conferma l’imprenditore napoletano Eugenio Ossani  che  gestisce con cura e amore la splendida struttura del Grand Hotel Punta Molino costruita da suo padre cinquanta anni fa e che, nelle mille incertezze del momento, ha deciso ugualmente di aprire. Una decisione coraggiosa dettata dalla necessità di far ripartire il lavoro e garantire serenità a tutti i suoi dipendenti nessuno escluso. Un’intuizione che gli ha dato ragione poiché nella struttura aperta a luglio, si registra tutto esaurito in modo particolare nel fine settimana. Il dott. Ossani ritiene che è cambiato il modo di fare vacanza, si preferisce trascorrere un fine settimana più lungo con partenza il lunedì, ma deve essere  all’insegna del relax totale, di confort ( come spiaggia attrezzata, piscine termali coperta e all’aperto ) e buon cibo proprio come sono  garantiti al Punta Molino. Per un imprenditore che sa fare bene il proprio lavoro è una sfida , ma anche una dura prova mettersi in discussione in un momento così difficile e delicato. 

Read more…
Daniel Pennac

Daniel Pennac: la lettura è come sognare

Lo scrittore esorta gli insegnanti ad utilizzare il viso e la voce per imprimere la lettura nei giovani

Giorni fa mi sono imbattuta in un interessante articolo scritto per Repubblica da Daniel Pennac. Lo scrittore si rivolge agli insegnati ( i maggiori responsabili dell’amore verso una disciplina) esortandoli ad utilizzare strumenti semplici ed efficaci per raggiungere il cuore dei propri alunni e far di loro dei buoni lettori. Personalmente ho letto diversi libri di Pennac un pò per curiosità un pò per capire come un bambino dislessico sia diventato uno scrittore di successo.

Read more…

Io educatrice mi sono reinventata dopo la malattia

Mariarosaria Russo è laureata in Scienze dell’Educazione con indirizzo di Educatore extrascolastico in Pedagogia Speciale. Il suo imperativo è: educare. Da sempre si è dedicata alle fasce più deboli costruendo un percorso professionale mirato e completo. Il nostro incontro è avvenuto molti anni fa, lei è stata la mia tutor durante il tirocinio formativo universitario. Tra le tante colleghe (alle quali non tolgo nessun merito professionale), Mariarosaria è stata l’unica che si è dedicata alla mia formazione insegnandomi senza mai risparmiarsi i segreti del mestiere. Tra noi c’è stata subito intesa e ho ammirato la sua dolcezza e le sue doti di pedagogista. I bambini e i ragazzi l’adoravano. Poi le nostre strade si sono separate, abbiamo fatto percorsi e scelte diverse, ma la vita ha voluto che ci rincontrassimo. Abbiamo scoperto che abbiamo coltivato nel tempo lo stesso amore per l’educazione. La sua storia è particolare poiché Mariarosaria si è trovata ad un punto dove la vita l’ha messa di fronte a delle decisioni importanti. Lei che ha sempre aiutato gli altri, ha dovuto aiutare sé stessa e l’ha fatto continuando a formarsi per raggiungere i suoi obiettivi.

Read more…

Panglossismo… lettera aperta di un’educatrice

Credere di vivere nel miglior mondo possibile è un’attitudine, ma credere di farlo oggi è quasi impossibile. Laura Falcone è l’esempio vivente di Pangloss e della sua filosofia di poter cambiare tutto. Educatrice per vocazione, laurea in architettura e beni culturali, dopo aver lavorato nelle gallerie d’arte contemporanea ha fatto una lunga pausa per dedicarsi alla crescita di due pargoli. Dal 2015 insegna presso la scuola internazionale Dalla parte dei bambini di Napoli, nel gruppo delle Matrioske con bimbi di quattro e cinque anni.

Read more…
Valentina Troncone titolare Jammin Bistrot

Vivere… senza lavoro e futuro

La pandemia ha fermato la nostra economia e rallentato le nostre vite, ma noi dobbiamo continuare a costruire

I titoli dei maggiori quotidiani indicano che il mondo sarà investito da una recessione economica storica dopo periodi di crescita quasi costante.Le cause sono da attribuire alle misure restrittive adottate dai Governi per contenere la diffusione del Covid-19. Si profila ancora una volta, una vita senza lavoro e futuro. La pandemia ha fermato bruscamente la nostra economia e rallentato le nostre vite, ma noi dobbiamo continuare a costruire.

Read more…
Movida

Covid-19 e gioventù non vanno d’accordo

In questo triste, difficile e incerto momento, non ho voluto scrivere di Covid-19 volutamente. Ritengo che le informazioni che riceviamo ogni giorno sono di per sé sovrabbondanti. Bombardati minuto per minuto da ogni dove di fake news e di notizie incongruenti non ci lasciamo sfuggire nemmeno un aggiornamento dei decreti del Governo. Di punto in bianco siamo diventati appassionati di politica, d’informazione perché le restrizioni del lockdown ci hanno messo a dura prova e hanno fatto emergere in noi pensieri strani, profondi, di cambiamento radicale e di azioni che possano passare alla storia. Almeno così sembrava fino a qualche settimana fa, quando ancora i numeri dei contagiati, morti e malati in terapia intensiva facevano presagire il peggio in tutto il mondo. Coinvolgente il sostegno virtuale (o chi ha potuto reale) per medici, infermieri coinvolti fino a perdere la vita. Al via campagne di informazione precauzionali per come proteggersi e l’invito accorato di restare a casa per evitare il più possibile il diffondersi di un virus mortale.

Read more…
Giorgio Gori sindaco di Bergamo

Feltri offende il Sud mentre Gori lo ringrazia

È notizia recente che il sindaco di Napoli Luigi De Magistris ha querelato i giornalisti Vittorio Feltri e Mario Giordano per i reati di diffamazione a mezzo stampa, aggravata dall’odio razziale, e di istigazione all’odio razziale. Lo hanno seguito il senatore Sandro Ruotolo e lo scrittore Maurizio De Giovanni, che proprio non hanno gradito le offese esplicitamente dirette alla Campania e a tutto il Meridione. Feltri colpito da grave demenza senile avrebbe pronunciato ospite della trasmissione di Giordano su Rete4, le seguenti parole: «perché mai dovremmo andare in Campania? A fare i parcheggiatori abusivi?». Definirci poi inferiori è stato il massimo. Un’accusa pesante che chiama in causa anche il ruolo etico dei due in questione che probabilmente lo hanno dimenticato.

Read more…
Maria Testa insegnante yoga

Yoga: scienza o disciplina, funziona!

Intervista a Maria Testa, insegnate di Hatha Yoga

In questo periodo di reclusione forzata, molte persone si sono sbizzarrite nelle più diverse attività domestiche. Tra le tante in molti hanno preferito dedicarsi all’attività fisica online perché non possono ancora svolgerla all’aria aperta o nelle palestre. La rete è sembrata una buona alternativa, ma siamo certi che sia giusto? In questo caso anche la scelta dello sport da praticare a casa (per chi non nasce fondamentalmente sportivo) è molto importante, come ad esempio affidarsi ad istruttori competenti che sappiamo organizzare lezioni adatte a tutti. Io stessa ad esempio ho sperimentato lo yoga che ho praticato costantemente per tre mesi prima del lockdown e devo ammettere che è stato difficile smettere poiché mi mancavano i benefici. Purtroppo il Covid-19 ci ha messo a dura prova, ma grazie alla tecnologia, posso continuare a seguire la mia maestra a distanza senza interrompere il percorso intrapreso. Lo yoga è una scienza ma anche una filosofia, che racchiude in sé moltissime possibilità e benefici per mente e corpo. Vediamo più da vicino i consigli che ci ha dato l’insegnate di Hatha yoga, Maria Testa.

Read more…

Didattica online

DSA e Didattica a distanza

Insegnati alle prese con la Tecnologia e poi?

Come accennato nel mio ultimo articolo, uno spazio particolare va dedicato agli studenti che presentano DSA (disturbi specifici di apprendimento), che in questo momento delicato stanno affrontando lo studio con uno carico cognitivo maggiore. Bisogna prima di tutto tenere in considerazione che gli alunni DSA hanno un QI nella norma, ma un diverso modo di processare informazioni di lettura, calcolo, ortografia e grafia. Per questo motivo, nell’organizzare la lezione online, non si devono trascurare tutti gli elementi che possono rendere più difficile del solito la Didattica a distanza.

Read more…